A.E.I.O.U.

 

Questo articolo racconta la storia misteriosa dell’acronimo A.E.I.O.U. Da chi era utilizzato e perché.

L’acronimo A.E.I.O.U. era utilizzato dalla famiglia reale degli Asburgo.

Fu l’Imperatore Federico III a concepirlo nel ‘400 e venne utilizzato come incisione nella costruzione di numerosi palazzi, monumenti, ma anche in libri ed oggetti vari.

L’imperatore Federico non spiegò mai cosa questa elementare sequenza di vocali significasse ma la sua passione per il simbolismo e il misticismo è fatto noto.  Così come tutta la coeva cultura medievale, intrisa di leggende, misteri, superstizioni, codici, crittogrammi, etc.  Cosa che rende quel periodo storico particolarmente affascinante.

 A varie riprese, nel corso dei secoli, sono state attribuite a questa curiosa sigla diverse formulazioni del suo significato; oggi vi è un certo consenso tra gli ambienti degli storici che Federico avesse voluto lasciare l’interpretazione aperta, confidando nell’efficacia della sigla per ammantare la casata reale d’un certo alone di misticismo e sintetizzarne così  il prestigio.

Nei suoi diari si può leggere una frase che per molto tempo fu interpretata come la chiave del mistero: ‘Alles Erdreich ist Österreich untertan’ che può essere tradotta in Latino con la stessa sequenza di lettere: ‘Austriae est imperare orbi universo’: L’Austria regna su tutta la Terra’. Tuttavia, altri passaggi degli stessi diari danno adito ad altre interpretazioni e il mistero resta ancora irrisolto:

Austria est imperio optime unita

Austria erit in orbe ultima

Qualunque lettura si scelga, il messaggio rimane comunque chiaro: un efficace slogan di propaganda politica come strumento per esaltare la potenza dell’Austria nel nome della sua famiglia più prestigiosa, gli Asburgo.

 

Come utilizzare questa conoscenza:

in discussioni che riguardano:

          Cultura Generale

 

Memorizza:

Acronimo: A.E.I.O.U. (vocali dell’alfabeto)

Oggetto: motto degli Asburgo

Periodo: Medio Evo

 

 

 

 

Spread the love
Tag:, , , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *